La Merda: un’onda di disgusto sul palco del Valle Occupato

Recensione a La Merda – di Cristian Ceresoli, con Silvia Gallerano 

La voce invade subito lo spazio, prima della presenza fisica, prima della nudità. Piccola su un alto trespolo, il corpo contorto in goffe pose, Silvia Gallerano chiama il pubblico sul palco del Valle Occupato, affidando a un microfono, impugnato con forza, le prime frasi, farfugliate, sussurrate, improvvisate. E subito ci rende conto che a essere importanti ne La Merda, spettacolo vincitore del Fringe First Award 2012 di Edimburgo, sono soprattutto le parole. Quelle crude, arrabbiate, scritte da Cristian Ceresoli, e quelle ingerite con fermezza e vomitate con coraggio dall’attrice romana, prima interprete italiana a vincere il The Stage Award for Acting Excellence 2012 come Best Solo Performer.
Portato in scena dal 7 all’11 novembre, a grande richiesta e per pochi spettatori ogni sera, il primo titolo del Decalogo del Disgusto, è dedicato all’Italia dei 150 anni, all’Italia della televisione, all’Italia della notorietà, all’Italia dei maschi e della bandiera, all’Italia della Resistenza e dell’apparenza.
Non un omaggio, e neanche un atto di denuncia, piuttosto una presa di coscienza. La nostra società, come Pier Paolo Pasolini immaginava con ‘previsione apocalittica’ quarant’anni fa, collassa sotto il peso dei mutati (e peggiorati) valori e modelli culturali, soccombe all’invadenza dei mezzi di comunicazione di massa. Il regresso, oggi, vince sul progresso.
Tre tempi scandiscono lo spettacolo, Le Cosce, Il Cazzo e La Fama, due volte la luce si spegne in sala, due volte sole prende fiato Silvia Gallerano, che consegna al pubblico un vortice di pensieri, di situazioni, di aspirazioni. Quelle di molte giovani donne pronte a mostrarsi, decise a spogliarsi, vogliose di esibirsi nel circo mediatico.
Con la voce a tratti rotta dal pianto, le labbra piegate in una smorfia di sufficienza, la ragazza ‘con le gambotte da sirena’ s’aggrappa ai ricordi d’infanzia, agli elettrodi sulle cosce troppe grosse, alle aspettative del padre e alla superficialità della madre, ai primi, squallidi incontri sessuali. Si espone alla telecamera, si gioca tutto con un provino, bagnato di finte lacrime e mediocrità. Ingoia chili di cibo e frustrazioni, defeca delusione e re-ingurgita umiliazione. È avida di popolarità, ingorda di successo, aspira a solcare il tappeto rosso, salire sulle ginocchia di uomini influenti come saliva su quelle di papà, mira a essere riconosciuta al supermercato da sconosciuti schiavi del gossip e del piccolo schermo.
E mentre il tono sale, mentre monta l’eccitazione per i sogni che potrebbero realizzarsi e per la fama di cui si potrebbe godere, si ingrossa l’onda di vergogna, di repulsione, di schifo.
Non mostra nessuna via di scampo il linguaggio nudo, asciutto, essenziale di Cristian Ceresoli. Non c’è redenzione per la sfrontata giovane donna, fiera dei suoi sogni, piena delle sue ambizioni, quelle che si leggono nello sguardo e nella carne di Silvia Gallerano.
Il pantano in cui annega il nostro paese può essere spalato solo con un grido disperato. E la pochezza umana, sociale, intellettuale, si può superare con la forza di certi progetti indipendenti, meritevoli di premi e di sostegno, condivisibili perché chiamano in causa tutti noi, le nostre ansie, la nostra indignazione e le nostre speranze. «Una visione apocalittica, certamente, la mia. Ma se accanto ad essa e all’angoscia che produce, non vi fosse in me anche un elemento di ottimismo, il pensiero cioè che esiste la possibilità di lottare contro tutto questo, semplicemente non sarei qui, tra voi, a parlare», scriveva Pasolini nel 1974.

Visto al Teatro Valle Occupato, Roma

Rossella Porcheddu

2 thoughts on “La Merda: un’onda di disgusto sul palco del Valle Occupato

  1. Giuseppe Stumpo scrive:

    quello che segue è un copia e incolla di mio commento postato su pagina fb del teatro goldoni di venezia, dopo averlo lì visto poco più di un mese fa.

    “notevole interpretazione – seppur totalmente in un solco di “tradizione”, d’avanguardia o no che sia – di un testo a mio parere assolutamente sopravvalutato, per non dire banale, e che mi fa dubitare sullo stato di salute della ricerca teatrale inglese, se a tale spettacolo un premio in inghilterra è stato dato – e non dei meno prestigiosi (stando a quanto si vanta nella locandina dello spettacolo!)”

  2. Giuseppe Stumpo scrive:

    per favore finiamola con i rimandi a pasolini ogni piè sospinto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *