Il Concetto di Castellucci e la “Sainte Inquisition”

Recensione a Sul concetto di volto nel Figlio di Dio – Romeo Castellucci/Socìetas Raffaello Sanzio

Una soleggiata domenica d’autunno nel cuore di Parigi per uno spettacolo pomeridiano al Théâtre de la Ville. Ma l’atmosfera è subito molto lontana da quella che ci si aspetterebbe date le premesse. In una piazza Châtelet blindata, per accedere al teatro si passa prima attraverso un corridoio di poliziotti in tenuta antisommossa, poi un metal detector, e infine si viene perquisiti: nessuna visita presidenziale è prevista. In cartellone semplicemente l’ultimo spettacolo di Romeo CastellucciSul concetto di volto nel Figlio di Dio. Ma il teatro e la capitale parigini sono dovuti correre a rimedi estremi per scongiurare altre incursioni violente di quei gruppi di integralisti cristiani che nelle precedenti repliche (in particolare per la prima di giovedì) hanno aggredito, all’esterno del teatro, il pubblico con lanci di uova e quant’altro mentre, in sala, hanno interrotto più volte lo svolgimento dello spettacolo con urla e invasioni di palco. Una situazione – tra l’altro anticipata da svariate minacce alle quali la direzione del Théâtre de la Ville non ha giustamente voluto dar adito – che prosegue da ormai qualche giorno.

Nonostante l’appello all’inizio della rappresentazione del direttore del teatro che ricorda al pubblico l’ovvia possibilità, nel caso non si ami un lavoro, di poter abbandonare la sala, ma in un rispettoso silenzio per coloro che vogliono proseguire la visione, i facinorosi non si sono fatti mancare un’incursione anche nel “giorno del Signore”, domenica appunto. Alcuni spettatori paganti, infatti, si sono rivelati appartenere a questi gruppi, assaltando il palcoscenico a metà spettacolo. L’accusa mossa contro il lavoro della Socìetas Raffaello Sanzio è di cristianofobia. Il servizio d’ordine dispiegato non si è fatto attendere: rapidamente gli estremisti sono stati bloccati e accompagnati fuori dove un pullman della polizia li attendeva, e il sipario ha potuto così riaprirsi sulla scena interrotta.
Fatti sconcertanti non solo perché mettono in pericolo il sacrosanto diritto d’espressione, inalienabile in ogni democrazia degna di questo nome (e bisogna riconoscere che la Francia e la sua Capitale in questa situazione l’hanno difeso con forza), ma soprattutto perché ancor più ingiustificabile e decisamente incongruente costatando che Sul concetto di volto nel Figlio di Dio è uno spettacolo tutt’altro che blasfemo.

Salvator Mundi - Antonello da Messina

In un appartamento “Ikea” dal biancore ospedaliero, sovrastato da un’enorme riproduzione del dipinto di Antonello da Messina Salvator Mundi, un padre (Gianni Plazzi) e un figlio (Sergio Scarlatella) costruiscono una scena che straripa di pietà e amore. Questo candore, perfetto e quindi non umano, non può rimanere tale a lungo: l’anziano genitore incontinente non riesce a trattenere le sue feci; il paziente figlio pulisce ogni volta. Il padre subisce, a causa della vecchiaia, un’estrema vergogna alla quale il giovane, con incondizionato amore e volontaria auto-umiliazione, ripara risollevando la condizione del genitore a un livello più dignitoso.

Grazie a una performance attoriale eccellente, calibrata e diretta su ogni pausa, che dà prova di un realismo che converge verso il parossismo senza scadere mai nell’affettazione, quello che si delinea sul palco è un umanissimo e delicato esempio di sacrificio e amore filiale. Concetti facili da ritrovare anche in una lettura superficiale del Vangelo, e soprattutto una scena simile a tante altre che avvengono ogni giorno in ospedali, case di cura e dimore di fronte a crocifissi e immagini di Gesù – tornando un attimo alla sterile ma violenta polemica di cui è stato oggetto questo lavoro nelle sue repliche francesi.

A vegliare su questo spaccato di vita quotidiana, eccezionale nella sua triste ordinarietà, appunto il Cristo con il suo sguardo dolce e penetrante, quale gli è stato conferito dal grande pittore siciliano. Uno sguardo pulsante di vitalità e rassicurante serenità, che trasborda dal suo ruolo di decoro per rivolgersi, divenendo interrogativo, agli spettatori. A essere interpellato è il concetto stesso di Uomo, il suo statuto di fronte alla deturpazione, alla sofferenza, alla perdita che da liquida e fisica diviene metafora della condizione umana stessa: «la dimensione scatologica, allora, supera tutto il realismo e la situazione diviene metafisica. Si passa dalla scatologia all’escatologia» spiega Castellucci. È un vero e proprio Ecce Homo quello messo in scena, ma in molteplici accezioni: in Cristo, in qualità di figlio di Dio, ovvero di Dio fattosi uomo; ma anche di uomo fragile e bisognoso, o ancora in grado di atti d’amore estremi e commoventi. Una Passione umana, messa in parallelo a quella di Cristo in un crescendo di intensità e di significato che sfociano nella scena finale: il volto del Salvator Mundi svanisce in una coltre nera, si lacera per lasciare spazio a un ultimo quesito. Una scritta al neon si illumina: “You are my shepherd” (tu sei il mio pastore); ma l’affermazione è lontana dall’imposizione di una dottrina. La scelta è lasciata aperta: non illuminato, ma comunque presente, il “not” (non) può trasformare la frase in negativa. A ognuno degli spettatori la possibilità di decidere, o perlomeno di interrogarsi: è il libero arbitrio che chiude (o sarebbe più opportuno dire apre) il cerchio di questa riflessione commovente, plasticamente affascinante e teatralmente coinvolgente che affonda le sue radici nel cuore della cultura cristiana senza dogmi e preconcetti ma con indubbio rispetto.

Visto al Théâtre de la Ville, Paris

Silvia Gatto

 

In seguito agli attacchi da parte di fondamentalisti cristiani che sta subendo Romeo Castellucci a causa dello spettacolo Sul concetto di volto del figlio di Dio presentato in questi giorni al Théâtre de la Ville di Parigi, accusato di sacrilegio e di “cristianofobia”, si può inviare una mail, in sostegno e difesa della libertà d’espressione, all’indirizzo comite-de-soutien-castellucci@theatredelaville.com, indicando nel testo nome, cognome, professione prima della frase “Je signe” (io firmo). Oppure scrivere una email al comitato di sostegno che il Théâtre de la Ville ha organizzato contro la censura: comitedesoutienspectaclederomeo@yahoo.fr

Lista delle firme per il comitato di sostegno:

http://theatredelaville-paris.com/Publish/media/1409/Comite_de_soutien.pdf

 

 

 

 

 

 

 

3 thoughts on “Il Concetto di Castellucci e la “Sainte Inquisition”

  1. Camilla Toso scrive:
  2. teardrop.smile scrive:

    Non ci voglio credere: con i preti che stuprano i bambini questi vanno a protestare per uno spettacolo? Con tutti i difetti che abbiamo, almeno queste cose in Italia non succedono. E se ci tengono tanto gli mandiamo il Papa in Francia, così si sentono più vicini alla religione e gli pagano loro le bollette!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *